CHIRURGIA ORTODONTICA

L'obiettivo della chirurgia ortognatica è la correzione di una ampia varietà di anomalie delle mascelle e della faccia producendo oltre alla correzione della malocclusione anche favorevoli cambiamenti estetici e altri benefici: la masticazione, la respirazione e la parola risultano spesso migliorati.

Solitamente viene eseguita in combinazione con l'ortodonzia così che i denti dopo la chirurgia siano in posizione ottimale e perfettamente ingranati fra loro.

Le persone che possono beneficiare della chirurgia ortognatica sono quelle che hanno una “masticazione scorretta” o quelle con le arcate dentarie malposizionate per squilibri della crescita dei mascellari.

Queste anomalie possono creare una serie di problemi sulla funzione masticatoria, la respirazione, la fonazione, la salute a lungo termine della bocca e penalizzare seriamente l'aspetto estetico.

L'ortodonzia può essere applicata con successo solo per i casi che hanno difetti di allineamento dei denti.

Per gli altri casi, morso aperto (impossibilità a chiudere i denti), mandibola piccola e mento arretrato, prognatismo con morso inverso, “sleep apnea” e tutte le difficoltà respiratorie durante il sonno e i russamenti prodotti da una mandibola piccola o retroposta, asimmetrie facciali e mandibolari, incapacità a chiudere le labbra senza sforzo, difficoltà a mordere e masticare, l'unica soluzione efficace è spesso la chirurgia ortognatica.

Se dopo la visita dal chirurgo questi riterrà che il vostro caso necessita di chirurgia verrete inviati dall'ortodontista.

Infatti per la diagnosi e la terapia della vostra malocclusione e per definire il tipo di ortodonzia e di chirurgia necessaria il chirurgo maxillo-facciale e l'ortodontista dovranno lavorare in stretta collaborazione: l'ortodontista per l'allineamento preciso dei denti così che questi possano combaciare perfettamente dopo gli spostamenti chirurgici dei mascellari fatti dal chirurgo.

In molti casi di anomalie dei mascellari sono presenti altri difetti facciali (per esempio: naso, mento, zigomi); in questi casi è possibile eseguire procedure di chirurgia estetica insieme alle procedure ossee.