La Stampa. Ricostruito con tecnica 3D il volto dell’operaio precipitato nel cantiere di Torino

Durante l’intervento di chirurgia maxillofacciale è stato utilizzato un navigatore intraoperatorio

TORINO. Nuovo intervento per l'operaio 26enne di origini egiziane ferito in modo grave, la scorsa settimana a Torino, nel crollo di un elevatore. Per sei ore i chirurghi maxillofacciali delle Molinette lo hanno sottoposto a una operazione all'avanguardia per la ricostruzione del volto con un navigatore intraoperatorio, innovativa tecnologia 3D che permette al chirurgo di virtualizzare l'intervento e controllare quanto programmato con un margine di errore inferiore al millimetro. Il giovane resta ora ricoverato in prognosi riservata nella terapia intensiva del Cto di Torino.